^Vai in alto

  • Gruppo Speleologico San Giovanni Rotondo

    Il Gruppo Speleologico San Giovanni Rotondo era già attivo nei primi anni '70 ad opera del compianto Michele D'Apolito e di altri collaboratori che curarono le prime attività esplorative e di rilievo di alcune grotte del Gargano ed in particolar modo dei territori di S. Giovanni Rotondo e S. Marco in Lamis.

  • Storia del G.S.S.G.R.

    Gran parte del successo nelle esplorazioni di nuove cavità si deve al carattere particolare di M. D'Apolito nel saper parlare alla gente, ai pastori, ai contadini e nel riuscirne a trarre elementi utili, anche al “costo” di una caraffa di vino...! .

  • 50° Campolato

    Nel 1960, durante la "Spedizione Natalizia", 26-12-1960/06-01-1961, ebbe luogo una campagna di ricerche sul Gargano da parte del Gruppo Speleologico Piemontese CAI - UGET di Torino. Durante questa spedizione e più precisamente dal 31 dicembre 1960 al 3 gennaio 1961 fu effettuata la prima discesa nella Grava di Campolato e l'esplorazione della vasta cavità. L'estensione della grava, a tutt'oggi, risulta essere di 305 metri di profondità e di circa 1500 metri di sviluppo orizzontale. Il superamento del grande pozzo iniziale, profondo circa 100 metri, è avvenuto il 1 gennaio 1961. Data storica che da il via a successive campagne splorative e di studio, non ancora terminate.

webmaster - VINCENZONE SGR-il mondo è rotondo primo o poi si scivola

Nessuna immagine

Login Form

Cerca

language

counter del G.S.S.G.R.

oggi31
ieri93
settimana1268
mese4206
totale362686

Visitor Info

  • IP: 3.218.67.1
  • Browser: Unknown
  • Browser Version:
  • Operating System: Unknown

Who Is Online
1
Online

Domenica, 23 Febbraio 2020 08:00
Nessuna immagine
PU 276 - GRAVA DI CAMPOLATO Sita nel territorio di S. Giovanni Rotondo, è la cavità più estesa del Gargano e la più profonda della regione. Conosciuta anche come Grava di Pantanello. Inizia con un pozzo di -100 m, prosegue con una alta galleria intervallata da una serie di pozzi che portano all’attuale fondo a -305 m.
PU 280 - GRAVA DI SAN LEONARDO Sita nel territorio di S. Giovanni Rotondo, è senza dubbio la cavità verticale più nota e raccontata nel leggendario sangiovannese. Si presenta come un'ampio pozzo a campana originatasi per il crollo della volta di una ampia cavità; sprofonda per circa -80 m ed è purtroppo uno degli esempi più noti di cavità utilizzata negli anni passati come discarica di rifiuti di ogni genere e medicinali scaduti. Se ne attende ancora il completamento delle operazioni di bonifica per scongiurare l’inquinamento della falda acquifera, appena sottostante di poche decine di metri.
PU 304 - GRAVA DI SIGNORITTI Sita nel territorio di San Giovani Rotondo, si presenta come cavità molto simile a quella di S. Leonardo. Alla base della ripidissima china detritica che ne caratterizza il fondo, s’innalza una ampia sala. Anche questa cavità è purtroppo ricettacolo di spazzatura e di materiale derivante dallo spietramento dei campi circostanti. La profondità della grava è di circa - 70 m.
PU 614 - GROTTA GRANDE Sita nel territorio di S. Giovanni Rotondo e precisamente sul versante orientale della Valle Grande a dominarne ampiamente la veduta verso ponente. È una della più estese cavità orizzontali che caratterizzano le valli meridionali del Gargano. Frequentata nel neolitico ed estesa oltre 150 m.
PU 201 - GROTTA DI MONTENERO L'ingresso della grotta è sito nel territorio di S. Marco in Lamis ma considerata la prossimità con il confine del territorio di S. Giovanni Rotondo, la frequentazione, le leggende ed i racconti su questa cavità riempiono il repertorio sangiovannese. Estesa circa 150 m è caratterizzata da ampie cavità susseguenti tra loro e unite da passaggi di più modeste dimensioni.
PU 788 - GROTTA PALUMMARA DI VALLE DELL’INFERNO Sita nel territorio di S. Giovanni Rotondo, è conosciuta anche come Grotta delle cento pecore, per descriverne l’estensione della cavità e l’uso antico come ricovero per gli animali. La grotta, estesa circa 100 m, è sita tra le pareti rocciose che caratterizzano il suggestivo canyon in cui è localizzata. Frequentata nel neolitico è prossima ai siti archeologici di Chiancata Maselli.
PU 2036 - LA GROTTA DELLA DIFESA S. MATTEO Sita nell’omonima area boschiva del territorio di San Marco in Lamis. Oggetto del nostro interesse poiché scoperta da Michele D’Apolito il 22 agosto del 1973 e posta a simbolo del vandalismo a cui, purtroppo sono soggette molte cavità. Estesa circa 30 m ed un tempo riccamente concrezionata, non nasconde tuttora la sua bellezza. Riportiamo una citazione di D’Apolito che impotente davanti alla mano devastatrice diceva di questa cavità: “L’unico torto di questa grotta è quello di essere stata più bella delle altre!”
 z  

Presidente

Rossella Melchionda 

cell. 0039 - 3332582084

 

Vice Presidente 

Vincenzone sgr

cell. 0039 - 3200109546

 

 

 

Segreteria

Vincenzo Savino

cell. 0039 - 3339733120

 

 

Consigliere

Giulio Puzzolante

 

 

                                   

                Consigliere

             Michele Placentino

 

0
0
0
s2sdefault

news speleo

Scintilena

23 Febbraio 2020

Una luce nel Buio - Notiziario di Speleologia
  • Al via i corsi di archeologia ipogea per speleologi organizzati dalla Società Speleologica Italiana
    “La tutela del patrimonio archeologico ipogeo, ruolo e collaborazione della comunità speleologica”. A metà marzo la prima edizione a Finale Ligure, poi sarà la volta di Marche, Campania e Sicilia. Obiettivo: formazione e autoformazione di base nei Gruppi speleologici Una parte del corso si svolgerà alla Caverna Pollera - Foto di Antonio Ferrazin La Commissione Nazionale Scuole [...]
  • Vince il Premio Hells Bells 2020 il video “I Claustrofili” di Sirio Sechi
    Alla rassegna di cinema speleologico Campana d’oro per “I Claustrofili” di Sirio Sechi, Campana d’Argento per “Corchia la montagna vuota” di Roberto Tronconi, menzione speciale per “Namak 2019″, il video della spedizione de “La Venta” Martedì 18 febbraio la giuria di “Hells Bells 2020″ ha decretato i vincitori della rassegna di cinema speleologico che si svolge [...]
  • Novità per il catasto speleologico del Friuli Venezia Giulia, nasce una collaborazione tra Regione e Università
    Accordo tra Regione e UniTs per la realizzazione di una banca dati dedicata alle grotte di interesse archeologico e paleontologico e alle grotte del Carso Classico. la Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell’assessore alla Difesa dell’ambiente, Fabio Scoccimarro, stringerà un accordo di collaborazione con l’Università degli Studi di Trieste per implementare le informazioni [...]
  • Speleoterapia, la riconversione della ex miniera di Sant’ Aloisio a Collio Valtrompia
    La ex miniera di Sant’Aloisio, il più ricco giacimento minerario di siderite della Valtrompia, dal 2019 é tornata a nuova vita con la riconversione a centro di speleoterapia per la profilassi delle patologie respiratorie. Sedute di Speleoterapia nella ex miniera Dal 2019 la ex miniera di Sant’ Aloisio a Collio Valtrompia (BS), il più ricco giacimento minerario [...]
  • Corso di immersioni in ambienti confinati a Roma, dal 26 al 29 Marzo 2020
    La Scuola Nazionale di Speleologia Subacquea della Società Speleologica Italiana organizza un Corso di immersioni in ambienti confinati, speleosub di primo livello, che si svolgerà nel Lazio dal 26 al 29 Marzo 2020. Il corso fornirà le conoscenze teoriche e pratiche per effettuare le prime immersioni in risorgenza, relitti e sifoni. Il corso è destinato ai [...]

news gargano

FoggiaToday

22 Febbraio 2020

Copyright © 2013. Gruppo Speleologico San Giovanni Rotondo  Rights Reserved.